Pagine

16.5.11

Spontaneità, ecco la parola.




Non so da dove inziare, come iniziare, cosa dire, come descrivere quello che sto provando.. Ieri ho usato tutte le parole che conoscevo per cercare di spiegarmi..ed è stato con "spontaneità" che mi hai capito e mi hai detto "Sì, è proprio quello che mi fa impazzire di noi, il fatto che siamo spontanei e tutto ciò che stiamo vivendo è esploso così, spontaneamente e noi siamo così l'uno con l'altra: spontanei"
Ti amo per averlo detto. Ti amo per come stai riuscendo a farmi svegliare ogni mattina: FELICE.
Mi hai fatto scoprire che inconsciamente ho sempre deisderato tutto ciò, anzi conoscendomi mi sarei accontentata anche di molto meno. E invece eccomi, ad inciacciarti parole davanti [alla seconda bottiglia di vino dicono succeda..] e cercare di essere all'altezza di te, dei tuoi occhi. E del tuo cuore, perchè anche tu hai quelle fregole lo so, lo sento, lo leggo nei tuoi occhi. Come tu ieri vedevi nei miei il rilfesso della luna [mi piace pensare fosse la luna anche se poi ti sei corretto dicendo che era il lampione che vedevi riflesso]. E le lacrime che ho versato, spontanee anche loro, sono di immensa e meravigliosa felicità. Tutto di me è spontaneo con te.
Tì..come i rutti che faccio.






2 commenti:

Questo Soffitto Viola ha detto...

Felice per questo cuore che ti batte!

very gasp ha detto...

Grazie tesoro. Batte forte. E assordante!